• logo-ossi0.png
  • logo-ossi1.png
  • logo-ossi2.png
  • logo-ossi3.png
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Cultura e istruzione

“Ti racconto una sedia”

 38126916_10212171158290175_790667315568967680_o.jpg

“Ti racconto una sedia” è un progetto artistico-culturale ideato da Vittoria Nieddu che prenderà il via il 18 agosto nella bella isola della Maddalena. 
La sedia, dall’antico “sieda”, sede, residenza, è un mobile destinato ad offrire appoggio alla persona che la utilizza.
La sedia, comunemente, è intesa come strumento e oggetto di aggregazione, condivisione e unione: basti pensare al momento del pasto, quando ci si siede tutti insieme intorno al tavolo, alle riunioni di qualsiasi genere, alla piacevolezza dello stare davanti al camino o alla sedia “gestatoria”, trono mobile del Papa che serviva per poter essere visto più facilmente dai fedeli durante le cerimonie pubbliche.
Esistono diverse tipologie di “sedia”, quelle reali, nobili per aristocratici (più alte rispetto a quelle utilizzate dal popolo), quelle del popolo, per i bambini e così via. 
Vittoria Nieddu vuole utilizzare la sedia come contenitore e mezzo di trasporto e comunicazione della cultura, della tradizione e della storia della Sardegna. Vittoria vuole creare un interscambio fra paesi con caratteristiche differenti fra di loro, un contagio culturale reciproco attraverso l’integrazione e la collaborazione. 
Il mare che dialoga con la terra, i colori caldi e freddi che convivono senza restrizioni e dissidi. 
La sedia come mezzo e supporto di espressione artistica e culturale. 
Alla sedia farà da contraltare il tappeto tradizionale Sardo di Nule, paese d’origine di pregiatissime manifatture. Nule è un piccolo centro situato nella zona interna del Goceano, rinomato soprattutto per la produzione del tipico tappeto a fiamma, realizzato esclusivamente in modo artigianale secondo l'antica tecnica di tessitura annessa all'utilizzo del telaio verticale. Una tradizione secolare che a Nule è tuttora viva e palpitante, e che produce vere e proprie meraviglie artistiche create con sapienza antica ma spesso anche con interessanti spunti dal sapore moderno. Grazie alla fertile tradizione tessile, con estrema fierezza possiamo considerare Nule la “Città” dell’Arte Tessile della Sardegna.
Alla realizzazione del progetto, oltre a Vittoria Nieddu, ideatrice dello stesso, hanno preso parte artisti locali di altissimo pregio quali Michele Mura, Antonella Muresu e Antonella Canu ed anche Roberto Curotto e Valeria Masala. La presentazione dell'evento verrà curata dal narratore Giampaolo Cassitta.

 

39087631_10212243855747566_2921863721733062656_n.jpg39079237_10212243829986922_4361088605284728832_n.jpg39173301_10212243829866919_171871817953181696_n.jpg39173201_10212243855787567_6709441422677770240_n.jpg39129704_10212243856427583_5406345192565374976_n.jpgWhatsApp Image 2018-08-16 at 12.47.47.jpeg