• logo-ossi0.png
  • logo-ossi1.png
  • logo-ossi2.png
  • logo-ossi3.png
FacebookTwitterGoogle BookmarksLinkedinPinterest

Sanità e Politiche Sociali

AVVISO

prelievi sospensione“Dalla prossima settimana il distretto sanitario non sarà più in grado di garantire il servizio di prelievi ematochimici presso i punti di prelievo serviti dalle autoemoteche di Alghero e Ozieri nei centri di Coros Anglona e del Meilogu”

Recita così lo scarno messaggio che risulta essere il preludio di una situazione drammatica che ancora una volta vede il territorio e gli utenti più deboli vittima dell’incuria e della mala organizzazione della sanità regionale.

Tale disservizio è da riferirsi alla mancanza di personale medico e infermieristico del centro trasfusionale e alla difficoltà di adeguamento degli edifici adibiti ad ospitare gli ambulatori.

Limitare o meglio sospendere il servizio di prelievi ematochimici garantito dalle autoemoteche causa, come più volte ribadito un profondo disagio per i cittadini più deboli e indifesi sotto il profilo sociale e sanitario.

Per far fronte a questa ingiustizia una rappresentanza di sindaci guidati dal sindaco di Thiesi Gianfranco Soletta Presidente della Conferenza Territoriale Sanitaria della Provincia di Sassari e da alcuni sindaci del territorio ha chiesto e incontrato prontamente in data 3 maggio 2019 l’assessore alla sanità della Regione Sardegna Mario Nieddu e in tale occasione si è esposta la problematica che dall’inizio dell’anno riguarda e inficia il territorio sassarese.

I sindaci hanno espresso profonda contrarietà sottolineando l’esigenza di una soluzione prossima ed efficace. L’impiego delle autoemoteche infatti, rappresentava una soluzione che, se pur temporaneamente, limitava il disagio per i pazienti ed i familiari. La sospensione di tale servizio a partire dal 5 maggio, è un ulteriore tegola che cade su una fascia della popolazione che inevitabilmente si trova ad affrontare un estremo disagio.

L’assessore Nieddu ha dato disponibilità per trovare una soluzione impegnandosi a contattare i vertici dell’ATS e reperire risorse al superare il disagio che la sospensione del servizio comporterebbe in un territorio così ampio.

In attesa di ulteriori positivi sviluppi e di adeguate soluzioni il servizio settimanale di prelievo è comunque sospeso a discapito dei numerosi pazienti che ne usufruiscono da tempo.